Ciccio è dubbioso: “Chi è il titolare della Fiorentina?”

In questi giorni Ciccio Graziani si sta interrogando sulla situazione attuale della Fiorentina. L’ex attaccante viola ne ha parlato anche ai microfoni di Radio Bruno Toscana, di cui è opinionista fisso. “La Fiorentina dialoga bene fino agli ultimi 30 metri, poi iniziano i veri problemi. Non si sa chi sia il titolare in attacco. Patrick Cutrone sembra il terzo incomodo, giocano un po’ Vlahovic e un po’ Kouamé. Consiglio a Iachini di scegliere uno di loro, a prescindere dalle prestazioni di giocare cinque gare di fila. Alternandoli facciamo troppa fatica”.

IVO il super assistente sportivo via chat! Made by IVE

Finora la formazione viola ha conosciuto un andamento molto altalenante, con poche certezze. Nell’ultimo match, disputato al Franchi contro il Padova in Coppa Italia, la coppia d’attacco è stata composta addirittura da Cutrone e Callejon, che è andato in goal. Anche gli altri reparti, comunque, impensieriscono Ciccio. “Amrabat? Se Iachini lo fa giocare in quella posizione significa che ha i suoi motivi e ne ha parlato con il calciatore. Non vedo negatività in questa scelta. Il problema della Fiorentina è l’assenza di un centravanti titolare. Dusan Vlahovic ha bisogno di ripassare l’abc dei movimenti degli attaccanti, adesso quello che mi piace di più è Kouamé”, ha aggiunto Ciccio.

Ciccio Graziani
Ciccio Graziani

Già di recente l’ex campione del mondo aveva raccontato di un suo colloquio privato con Vlahovic, al quale aveva provato a dare qualche consiglio in vista della nuova stagione. In generale, Graziani non ha criticato troppo le scelte di mercato della società e qualche settimana fa aveva elogiato l’innesto di Callejon. L’esterno spagnolo ha vissuto annate molto importanti al Napoli, ma negli ultimi campionati aveva perso il vizio del goal. Le prossime settimane saranno decisive per capire quale sia l’identità di questa Fiorentina. Iachini rimane sempre e comunque in bilico e Ciccio spera ancora che sia proprio Vlahovic a segnare una doppia rinascita: per sé e per la squadra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *