Ciccio chiede scusa: “Mi sono ricreduto su Lukaku”

Ciccio Graziani continua a tenere d’occhio tutta la Serie A e non solo. L’ex attaccante della Nazionale, nonché storico allenatore del Cervia, non ha a cuore solo le squadre in cui ha giocato. Spesso e volentieri, infatti, Graziani si pronuncia anche sulle big che si contendono lo scudetto. Mai come quest’anno la corsa al tricolore sembra aperta e ai microfoni di Radio Sportiva Ciccio l’ha lasciato intendere molto chiaramente. “Il Milan può vincerlo e molto probabilmente lotterà fino alla fine, ma, anche se è attardata, la mia favorita non è la Juventus. Lo è l’Inter perché è la più attrezzata caratterialmente e tecnicamente. Dybala? Dovrebbe giocare da trequartista in un 4-3-1-2, con lui dietro Morata e Ronaldo sarebbero gli avversari a preoccuparsi di me e non viceversa”.

Non poteva mancare un commento sugli attaccanti di oggi. “Immobile mi piace da morire e lo ritengo un grande centravanti, in Italia ha fatto benissimo, però a livello internazionale ha poco credito. Cristiano Ronaldo? Un supereroe calcistico, privilegia la Champions League al campionato perché è una vetrina maggiore. Lui vuole sempre fare goal, può diventare un merito ma anche un rischio perché mette in ombra gli altri. Lukaku? Ho fatto ammenda, appena arrivato non mi convinceva, ma mi sono dovuto ricredere perché è una belva. Quando la squadra è in difficoltà gli dai la palla e sei protetto. Non è egoista, è un leader assoluto e può dare anche di più. Non vedo somiglianze con Weah e Drogba, in Lukaku prevale l’aspetto fisico più che tecnico”, ha aggiunto Ciccio.

Ciccio Graziani
Ciccio Graziani

Già nelle scorse settimane Graziani aveva detto la sua anche su Zlatan Ibrahimovic. Al momento il gigante svedese è fermo ai box, ma il “Diavolo” è riuscito sempre a fare bene, anche in sua assenza. Insomma, sia per livello di agonismo, sia per la qualità dei bomber, quello attuale sembra essere un periodo idilliaco per la Serie A.

Un pensiero su “Ciccio chiede scusa: “Mi sono ricreduto su Lukaku”

  1. Salvatore Rispondi

    Graziani la sa lunga. Di tutto ciò che ha detto non vi é nulla di errato se non fosse che l’Inter sfugge da sempre a qualsiasi pronostico. Tutto può essere per gli ambrosiani di sponda nerazzurra. Attenzione al biscotto dei blancos con quelli dell’abbazia di Gladbach, prevedo un bel servizietto a danno dei nerazzurri. Quanto al Milan, lo scudetto sarà suo soltanto se vincerà gli scontri diretti. Per’ora gli sta girando bene. Attenzione alla Juve, squadra alla ricerca di un assetto nella quale vedrei benissimo Eriksen. Poi, Napoli, Roma e Lazio in quest’ordine. Chi, poi, ha veramente vinto lo scudetto sono i tifosi che se ne stanno tranquillamente in casa senza colpo ferire. Ma questo, è veramente calcio?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *