Ciccio piange per Paolo Rossi: “Mi è morto un fratello”

Sono ore molto sofferte queste, per Ciccio Graziani come per tutti gli altri campioni del mondo dell’82. Paolo Rossi, bomber e manifesto del “Mundial”, si è spento dopo alcuni mesi di malattia. Gli ex compagni di squadra erano a conoscenza del suo stato di salute e avevano notato che ultimamente, nella famosa chat WhatsApp degli eroi di Spagna, Rossi era meno presente del solito. Insieme a Fulvio Collovati, Ciccio è intervenuto a “Pomeriggio Cinque” per ricordare l’amico scomparso. “Io ho perso non un compagno di squadra, non un compagno di avventura… penso che abbiamo perso un fratello. Perché Paolo era umile, gioioso, divertente. Ti regalava sempre un sorriso. La notizia mi ha sconvolto oggi, davvero. Sapevamo che non stava tanto bene, ma non pensavo naturalmente ad un epilogo così tragico. E davvero mi è morto un fratello, una persona alla quale ho detto tante volte ‘grazie’ quando ci incontravamo”.

La notizia mi ha sconvolto oggi, davvero. Sapevamo che non stava tanto bene, ma non pensavo naturalmente ad un epilogo così tragico. E davvero mi è morto un fratello, una persona alla quale ho detto tante volte ‘grazie’ quando ci incontravamo. Gli dicevo ‘Paolo, noi abbiamo fatto una cosa grandiosa tutti insieme, ma tu sei stato la ciliegina sulla torta. Senza i tuoi goal non saremmo mai arrivati a vincere quel Mondiale bellissimo, meraviglioso”. Lui mi diceva ‘Ciccio, non scherzare. Ma vuoi mettere con quello che hai fatto tu, quello che avete fatto voi compagni di squadra, un gruppo unito con un capo solido come Bearzot, una squadra vera?”.

Ciccio Graziani ricorda Paolo Rossi a 'Pomeriggio Cinque'
Ciccio Graziani ricorda Paolo Rossi a ‘Pomeriggio Cinque’

“A me mancherà il suo sorridere, il suo scherzare. Ogni volta che ci incontravamo era una piccola festa. L’unica cosa che mi conforta è che si trova in Paradiso insieme a Gaetano, insieme ad Enzo, insieme al presidente Sordillo, a tante persone che oggi non ci sono più. Paolo, ti abbiamo voluto, ti vogliamo e ti vorremo per sempre bene”. Ciccio si è prodotto così in un pianto disperato, interrompendosi per qualche secondo. “Scusatemi, ma io sono molto emotivo in alcuni frangenti e non ce l’ho fatta. Chiedo scusa”.

6 pensieri su “Ciccio piange per Paolo Rossi: “Mi è morto un fratello”

  1. PAOLETTI ROBERTO Rispondi

    Ciao Francesco,
    mi sento di darti del tu perchè essendo nato esattamente due anni dopo Paolo Rossi il 23 settembre 1958, e da sempre amante del gioco del calcio,
    tutti Voi mi avete accompagnato quotidianamente nella mia gioventù.
    La scomparsa di Paolo, per me è come avere perso un grande amico fraterno.
    Siete e sarete sempre esempi di vita.
    Un forte abbraccio a te alla famiglia di Paolo e a tutti Voi CAMPIONI DEL MONDO.
    Ciao IMMENSO PABLITO.

  2. Valerio Rispondi

    Ciao Pablito, grazie per tutto ciò che ci hai regalato! Toscano DOC!

  3. Honoriu Nicolau Rispondi

    Ciccio hai mostrato un altra volta che I grandi campioni sono anche dei grandi UOMINI ! Complimenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.