Ciccio: “Il Milan non mi era dispiaciuto contro la Juve”

Ciccio Graziani è stato come sempre ospite di “Sportmediaset XXL”. Nella puntata di oggi era impossibile non parlare del Milan, che oltre ad aver giocato l’anticipo di ieri sera contro il Torino, ex squadra di Graziani, aveva incrociato la Juventus pochi giorni fa. “Reazione del Milan? La risposta c’è stata nel risultato, perché nel gioco non mi era dispiaciuta neanche contro la Juventus. Nel primo tempo aveva giocato quasi alla pari, nonostante cinque assenze pesanti. È  vero che anche la Juve aveva due giocatori importanti fuori, ma il Milan le subisce di più perché non ha una panchina importante come quella della Juve. Nel secondo tempo i cambi hanno fatto la differenza. Il Milan era uscito dal campo con la consapevolezza di aver dato tutto quello che poteva dare. Solo il risultato era penalizzante perché il gioco non l’aveva mai perso e ieri ha ritrovato il risultato”.

“Forse da un punto di vista psicologico si poteva patire qualcosa in più, ma ieri il Milan ha fatto la partita soprattutto nel primo tempo, concretizzando al massimo il risultato. Nel secondo tempo è andato un po’ in difficoltà anche perché il Toro si è schierato tatticamente in maniera diversa. Non si riesce a comprendere come una squadra che stava bene sotto tutti gli aspetti come il Torino vada poi incontro a un primo tempo in quella maniera. Ma Belotti che procura il calcio di rigore? C’è qualcosa che non quadra in questa squadra. Giampaolo deve rendersene conto. Se l’avesse fatto Izzo ci sarebbe potuto stare, ma Belotti che su azione va a contrastare Diaz… ma che c’entrava lì Belotti in quel momento? Io non l’ho capita…”.

Ciccio Graziani
Ciccio Graziani

Una battuta anche sull’Atalanta, che continua a macinare goal e a sciorinare gioco con incredibile disinvoltura. “L’Atalanta gioca bene, è divertente vederla giocare. In più ha gente come Muriel che quando entra a partita in corso diventa devastante, ma anche Ilicic è tornato in grandissima forma. L’Atalanta gioca veramente bene al calcio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *