Ciccio si alza in piedi per l’Atalanta: “Ci ha strabiliato”

Ciccio Graziani ha partecipato alla puntata di oggi di “Sportmediaset XXL”, durante la quale si è parlato soprattutto della Fiorentina, tornata la vittoria, oltre che del Milan e dell’Inter, reduci da un risultato ben poco convincente. “Non so se faccio dei danni per la telecamera, ma mi voglio alzare per l’Atalanta. Questa squadra ieri ci ha strabiliato, ci ha entusiasmato. La Fiorentina? Vittoria un po’ sofferta, ma meritata. Dopo la batosta di Napoli c’era da riprendersi subito e quindi ieri la Fiorentina ha giocato una buonissima partita, ha avuto le occasioni per ampliare ancora un po’ di più il risultato. Poi all’ultimo ha sofferto un po’. Risultato meritato, la classifica le sorride”.

Ciccio Graziani negli studi di Mediaset
Ciccio Graziani negli studi di Mediaset

“Il Milan ha fatto un girone d’andata strepitoso. Ieri è incappato in una sconfitta pesante, ma contro una squadre che avrebbe battuto chiunque, forse anche il Bayern Monaco o il Manchester City per come ha giocato. Nell’ultimo goal: il passaggio a Zapata lo fa Romero, che è un difensore. Ha partecipato addirittura Toloi. Questa non è un’orchestra perfetta, è oltre. Se fossi stato un giocatore del Milan avrei fatto un cordone e al passaggio dei giocatori dell’Atalanta avrei fatto un piccolo applauso. In una partita come quella di ieri il Milan non ha espresso la meglio le qualità che ci ha fatto vedere in questa prima parte di stagione. Si è un po’ abbassata, forse doveva giocare 15-20 metri più avanti, ma l’Atalanta non gli ha concesso nulla. Ci sono i demeriti, ma anche i meriti degli altri. Quando è in giornata, Ilicic ti fa impazzire”.

“Inter? Un po’ tutte le squadre quest’anno hanno avuto alti e bassi. Ieri l’Inter è andata a sbattere contro una squadra che ha giocato difendendosi, ma se avesse giocato in maniera diversa l’Inter la straperdeva la partita. Ognuno applica le sue strategie. Ieri l’Inter non era l’Inter di qualche settimana fa, ma neanche lontana parente. Questo è quello che va rimarcato. Oltretutto hanno avuto delle buone occasioni e non le hanno concretizzate, ma anche l’Udinese. Poi vorrei dire una cosa a Conte. Caro Antonio, se tu non sei d’accordo con la direzione arbitrale non è che puoi farti giustizia da solo. Devi avere un comportamento più rispettoso, anche se pensi che abbia sbagliato a non ammonire Arslan. È un errore arbitrale che fa parte del gioco e tu lo sai. Se ti ha dato 4 minuti di recupero non puoi imporgli 8 minuti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *