Ciccio Graziani difende Gattuso: “Cosa si pretende?”

Sulle frequenze di Canale 8, emittente locale campana, Ciccio Graziani ha detto la sua sul momento del Napoli di Gennaro Gattuso, tanto criticato dai media negli ultimi tempi. La squadra azzurra ha incontrato notevoli difficoltà nell’ultimo periodo: tra giocatori positivi al Coronavirus, infortunati cronici, partite da recuperare e malattie improvvise, il gruppo partenopeo ha faticato a trovare una continuità di rendimento. Ciccio aveva avuto da ridire sulla vena realizzativa di Insigne & co., ma adesso vuole prendere le difese dell’allenatore del Napoli, spesso accostato all’esonero.

“Non capisco cosa si chieda a Gattuso. L’allenatore deve essere bravo a gestire il gruppo, anche la piazza, ma non è l’artefice o il colpevole dei risultati. Con gli obiettivi di partenza cosa si pretende da Gattuso? È in linea col quarto posto. Poi si gioca ogni 3 giorni, bisogna trovare alternative e ruotare, non è così semplice come si crede ed il Napoli c’è e non bisogna fargli il funerale già oggi”, ha dichiarato Graziani. Insomma, il Napoli sembra avere tutte le attenuanti del caso. In attesa di recuperare la partita d’andata con la Juventus, la classifica non è certo da condannare.

Ciccio Graziani
Ciccio Graziani

“Solo con lo Spezia in casa mi aspettavo il risultato, pensate la classifica solo con quei 3 punti. Ma io non vedo nessuna giocare bene, la Juve l’avrò visto 2-3 volte, ha pareggiato col Crotone ed il Benevento. Atalanta? Si scende in campo per vincere, ma è tosta per tutti. Arresi? No! Anche il Milan non ha creato pericoli, mica s’è arreso, è stata più forte l’Atalanta”, ha aggiunto Ciccio, riferendosi anche alla recente semifinale d’andata di Coppa Italia. Nel mese di febbraio il Napoli sarà atteso da un lungo tour de force tra tutte le competizioni: campionato, Coppa Italia ed Europa League. Le prossime partite saranno chiaramente indicative del prosieguo della stagione azzurra. De Laurentiis ha già iniziato a contattare altri allenatori, ma Ciccio tifa per Gattuso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *