Graziani, Gravina e il calcio dilettantistico

Gabriele Gravina è intervenuto ai microfoni della trasmissione di Radio 2 “Campioni del mondo” rispondendo anche a un quesito del nostro Ciccio Graziani. “La mia rielezione è stata molto importante per me e non premia solo i risultati che abbiamo ottenuto con grande determinazione e dedizione. Riconosce all’attuale governance una capacità di resistere e di rappresentare una guida sicura per il mondo del calcio. Credo che questo sia il messaggio più importante che è emerso da una votazione che mette insieme diverse anime, quella professionistica ed anche quella dilettantistica. Per quanto riguarda il pubblico negli stadi, il nuovo Dpcm non lo permette, è un problema che riguarda diversi settori e non solo il calcio. Dobbiamo prepararci almeno per la fase finale del campionato Europeo ad avere un po’ più di spettatori”.

Ciccio Graziani ha chiesto dunque al presidente federale quali possano essere gli scenari per il calcio dilettantistico. “Mi preoccupa tantissimo questa situazione, non a caso il prossimo consiglio federale del 5 marzo vedrà un punto all’ordine del giorno specifico su questo tema. Riguarderà sicuramente il campionato di Eccellenza e il campionato di Calcio a 5 e Femminile. Sono molte le variabili su cui dobbiamo lavorare per far ripartire i campionati dilettantistici. Dobbiamo essere molto seri e responsabili ma anche onesti nei confronti di tanti dirigenti, che in questo momento aspettano comunque una decisione”.

Ciccio Graziani
Ciccio Graziani

“Il 5 marzo con quel consiglio dobbiamo dare una risposta definitiva: se si può partire e come partire. Se non si può partire bisogna essere onesti e coerenti nel dire a tutti che bisogna fermarsi. E non mantenerli sulla graticola, senza dare alcun riferimento. Non trascuriamo un altro piccolo dettaglio: ad oggi abbiamo perso tantissimi ragazzi con il tesseramento giovanile scolastico e questo non è un buon segnale”, ha aggiunto il presidente. Per tornare alla normalità, bisognerà aspettare ancora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *