Ciccio: “Quello che ci stupisce un po’ è il Milan…”

Nel consueto appuntamento con “Sportmediaset XXL”, Ciccio Graziani ha detto la sua sulla giornata di campionato in corso, partendo dalla corsa alla Champions. “Quello che ci stupisce un po’ è il Milan, perché francamente alla fine del girone d’andata era primo in classifica anche con autorevolezza e merito. Mai avremmo pensato che potessero rimettere loro in gioco questo posto in Champions. Anche la Juventus la pensavamo un po’ più competitiva. Quindi siamo sul filo del rasoio. Può succedere ancora di tutto, nel bene o nel male”.

L’ex attaccante non poteva non commentare il momento dell’Inter, reduce dalla vittoria dello scudetto. “A volte l’ossessione potrebbe essere penalizzante, quando vuoi raggiungere il traguardo a tutti i costi potrebbe essere controproducente. Lui ha fatto un ottimo lavoro nel convincere i giocatori con le sue idee, con la fame, la mentalità vincente. Ha fatto un grandissimo lavoro, poi il resto lo hanno fatto i calciatori in campo che sono stati veramente bravi. Può succedere di tutto. Se la società non ritrova stabilità finanziaria e possibilità di programmare è chiaro che se Conte lo chiama il Tottenham che ha solidità possa pensare di andare, lui il suo lo ha fatto e vuole capire se ci sono i presupposti per continuare ad essere competitivo. Mi sembra giusto che lo verifichi”, ha dichiarato Ciccio.

Francesco Ciccio Graziani in studi tv - cicciograziani.com

Sulle altre: “Forza Fiorentina! Ha fatto una partita straordinaria ieri sera e ha vinto meritatamente. Napoli? Su Osimhen abbiamo avuto tutti delle perplessità perché non conosceva il nostro calcio e il nostro metodo di lavoro. Poi ha avuto il COVID, poi si era fatto male alla spalla. Adesso ha cominciato a capire cos’è la realtà del Napoli. Soprattutto negli spazi ampi dove va a nozze, ti mette in grande difficoltà perché ha una falcata e una velocità importanti. Adesso sbaglia di meno e vede anche la porta”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *