Ciccio e il BLM: “Non mi piace la scelta della FIGC”

Ciccio Graziani è intervenuto nuovamente ai microfoni di Retesport per parlare del momento della Nazionale azzurra. In particolare, l’ex attaccante ha commentato la sofferta vittoria dell’Italia sull’Austria negli ottavi di finale dell’Europeo. “L’Austria ha sorpreso l’Italia, è stata una partita equilibrata, che gli azzurri hanno comunque vinto con merito anche se la VAR c’ha salvati”. Una battuta anche su Marko Arnautovic, ex giocatore dell’Inter dei tempi del “Triplete”. “Arnautovic? È un bell’attaccante, ma quel gesto al pubblico se lo poteva risparmiare”.

L’Austria si è rivelata più pericolosa del previsto. Lo stesso Graziani aveva messo in guardia gli azzurri in vista dell’ottavo di finale, sottolineando come questo avversario fin troppo snobbato sulla carta potesse risultare ostico. In generale, Ciccio vuole che si rimanga con i piedi per terra e non si sopravvaluti la nostra Nazionale. Finora l’Italia ha condotto un cammino egregio e ha subito un solo goal, peraltro in maniera alquanto beffarda. Con l’eliminazione della Francia, le possibilità dei ragazzi di Mancini di arrivare fino in fono aumentano sensibilmente, ma è ancora presto per azzardare una previsione precisa. Di certo, il Belgio rappresenterà uno scoglio molto più grande rispetto a quelli superati da quando è iniziato l’Europeo.

Ciccio Graziani ai microfoni
Ciccio Graziani ai microfoni

Guardando a ciò che succede anche al di fuori del campo, Ciccio ha avuto da ridire sulle polemiche inerenti alla lotta contro il razzismo. “Il Black Lives Matter? Non mi piace la scelta della FIGC: ognuno è libero di fare quello che vuole, ma il contrasto al razzismo e la solidarietà è giusto manifestarli. È una vergogna fare una cosa perché la fanno gli altri”. Come al solito, Graziani non le manda a dire. Contro il Belgio gli azzurri dovrebbero presumibilmente inginocchiarsi, dato che Lukaku & co. sono soliti farlo. Anche in quel caso, però, non mancheranno di certo chiacchiericci sul tema.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *