Ciccio difende Antognoni: “Una risorsa, non un peso”

Ciccio Graziani ha parlato a lungo del momento attuale della Fiorentina ai microfoni di Radio Bruno, dicendo la sua soprattutto sulle figure dirigenziali. “Antognoni? L’ho sentito molto giù e dispiaciuto. Non gli ho chiesto cosa gli abbiano proposto alla Fiorentina, ma l’ho sentito molto rammaricato. Mi dispiace, perché Giancarlo deve essere una risorsa per la Fiorentina e non un peso. Io glielo avevo sempre detto ad Antognoni, che doveva farsi dare un ruolo che sentiva suo. Io so che nelle riunioni sul futuro Giancarlo partecipava alle discussioni. Poi non so cosa sia successo”.

“Problema di ruolo? Non so, penso a Bruno Conti. Faceva il responsabile e coordinatore del settore giovanile, poi hanno cambiato idee e gli hanno dato un altro ruolo facendogli fare lo scouting. Ma guarda caso… dopo 3 anni lo hanno rimesso lì. E’ possibile che a Giancarlo sia stato proposto qualcosa che non gli piace, ma io penso che possa comunque restare in società e poi eventualmente vedere… Non lo so. Mi dispiace che stia andando così. So che ha un ottimo rapporto con Pradè, che lo chiamava spesso. Poi ciò che è successo con altri dirigenti non lo so”, ha aggiunto l’ex attaccante viola, citando come esempio un altro dei campioni del mondo del 1982.

Ciccio Graziani
Ciccio Graziani

Ciccio non le manda mai a dire, specie quando si tratta di Fiorentina. Anzi, di recente Graziani ha ammesso anche che tornerebbe a Firenze persino da magazziniere, il che la dice lunga sul suo rapporto con la piazza viola. Negli ultimi tempi è successo un po’ di tutto e la Fiorentina è stata costretta a cambiare due volte allenatore separandosi quasi subito da Gennaro Gattuso. Bisogna gettare le basi per tornare in Europa e tirarsi fuori dalla lotta per la salvezza che sta interessando i toscani da più di due anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *