Ciccio: “C’è qualcosa che Antognoni non racconta”

Il nostro Ciccio Graziani è intervenuto ai microfoni di Radio Sportiva dicendo la sua su alcune situazioni specifiche del campionato italiano di Serie A. “Zlatan Ibrahimovic, a mio avviso, percepisce un doppio stipendio. Guadagna 3.5 milioni perché è un calciatore ancora molto importante nonostante l’età che avanza. Il secondo stipendio, altri 3.5 milioni, a mio avviso, è dovuto a quanto fa per i compagni di squadra”. “Chi gioca con Zlatan Ibrahimovic migliora. Lui non è solo un calciatore, ma è anche un grande motivatore, una sorta di allenatore in campo”.

“Dybala? Ho una stima sconfinata per l’argentino, per me è un piccolo Lionel Messi. Ma la Juventus non sfrutta tutte le sue qualità. Se allenassi io la ‘Vecchia Signora’ lo schiererei da trequartista perché in quella posizione del campo potrebbe essere devastante”, ha aggiunto Ciccio, che in passato si era interrogato più volte sulla collocazione tattica del numero 10 bianconero. Negli anni scorsi Dybala ha rischiato più di una volta la cessione.

Ciccio Graziani e Giancarlo Antognoni
Ciccio Graziani e Giancarlo Antognoni

Infine, qualche parola anche sull’addio di Antognoni alla Fiorentina, che Graziani stesso aveva provato ad evitare. “Ha fatto il team manager e soprattutto il primo anno lo ha fatto bene. Poi, forse l’esclusione dalla stanza di comando ha inclinato un po’ il rapporto. La società ha preferito dargli un ruolo nel settore giovanile, però Giancarlo ha avvertito una sensazione di disagio, una penalizzazione nei suoi confronti togliendolo dalla prima squadra. Io ho parlato con lui, gli ho detto di pensarci bene. Con la costruzione del nuovo centro sportivo quel ruolo poteva dargli soddisfazioni importanti, ma c’è qualcosa che non vuole raccontare e che gli ha dato particolarmente fastidio. Gli avevo consigliato anche di parlarne con il presidente. Commisso era l’unica persona con cui potersi relazionare, però credo non ci siano stati i presupposti per parlarne”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *