Ciccio dopo Napoli-Roma: “Spalletti è una vittima”

Ciccio Graziani è stato come sempre ospite fisso di “Tiki Taka”, anche nella puntata di Pasquetta. Impossibile non buttarsi a capofitto sul big match dell’ultima giornata, che ha visto di fronte il Napoli e la Roma, una delle squadre alle quali Ciccio è evidentemente più legato. Diversi i temi da discutere, a partire dal presunto rigore negato ai giallorossi nel secondo tempo. “Zaniolo calcia la palla, il portiere esce, tocca la palla con il braccio, la palla va ancora addosso al corpo di Zaniolo e va dalla parte opposta. In quel momento Zaniolo non può proseguire la sua azione per prendere la palla perché Meret gli va addosso e gli fa fallo. Allora io dico che può essere calcio di rigore o non può essere calcio di rigore, ma quello che fa arrabbiare è che l’arbitro non è stato richiamato per andare a rivedere l’episodio”.

“La dinamica è molto dubbia. Perché è vero che uscendo il portiere para un po’ il tiro, ma poi la palla torna addosso a Zaniolo e torna in gioco. Io non so se sia rigore o meno, ma era un episodio che andava rivisto. Quello per il Napoli invece è rigore netto, ve lo dice uno che tifa Roma. Ibañez come difensore ha fatto una stupidaggine enorme, chiaramente Lozano quando ha visto che era leggermente avanti ha frenato un attimino e Ibañez gli è andato addosso come un tir”, ha aggiunto Ciccio.

Francesco Ciccio Graziani in studi tv - cicciograziani.com
Ciccio Graziani

Infine, un appunto sulla gestione del Napoli da parte di Spalletti. “Tutte le volte che c’è un risultato negativo ce la si prende sempre con Spalletti, è diventato una vittima. È normale che i vari allenatori come Inzaghi o Pioli passino sulla graticola prima o poi. L’unico rimprovero che faccio a Luciano Spalletti, che stimo molto, è che se c’era un giocatore che avrebbe dovuto giocare contro la Roma era Mertens. Visto quello che è successo negli ultimi tempi, oggi come oggi, se c’è un giocatore che meriterebbe la maglia da titolare nel Napoli è Mertens. A prescindere da Osimhen o dagli altri 10”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.