Ciccio è sicuro: “Raspadori assomiglia a Paolo Rossi”

Ciccio Graziani non le manda a dire. In attesa della ripresa del campionato, l’ex attaccante ha parlato ai microfoni di Radio CRC esprimendo anche il suo disappunto su alcune situazioni legate al calcio italiano. “Le strutture di tante società importanti italiane sono fatiscenti. Ci sono società che non hanno ancora un proprio centro sportivo. Dobbiamo investire di più sui giovani italiani. Guardando anche tante squadre di Serie A e Serie B, ci sono giocatori che vengono dall’estero e tolgono spazio ai nostri giovani. Invece Raspadori sta venendo fuori, assomiglia a Paolo Rossi nel modo di giocare. È più una sottopunta anche perché i centravanti che vanno a battere i calci d’angolo non mi sono mai piaciuti. Può fare il trequartista perché ha tecnica, velocità e intuito. Possiamo dire che il Napoli ha indovinato anche Raspadori”.

“Io ero molto preoccupato per il Napoli e lo sono ancora perché siamo solo alla 7ª giornata. Dicevo che quello che ha perso era più importante di quello che è arrivato a parte Kvaratskhelia. Per il fatto che arrivavano Raspadori e Simeone dicevo che fossero alternative a quelli che giocano. Gli unici titolari erano Kim e Kvaratskhelia. Mi sono sbagliato e sarei felicissimo se il Napoli centrasse un traguardo storico. Ero perplesso sulla partenza di Fabian Ruiz per Ndombele che non conosciamo bene, avevo delle perplessità tra chi è andato via e chi è arrivato, ma questa squadra mi sta smentendo e sono felicissimo per tutto l’ambiente napoletano”, ha aggiunto Ciccio parlando nello specifico degli azzurri.

Ciccio Graziani
Ciccio Graziani

“Chi ha fatto l’affare tra Napoli e Juventus in difesa? Tra Bremer e Kim, l’affare lo ha fatto il Napoli. In questo momento gli azzurri hanno capitalizzato molto con le spese e con le prestazioni. Kvaratskhelia vale già 40 milioni”. Infine, una battuta anche sul Torino, ex squadra di Graziani. “Sta giocando bene e ha più competitività. Si è rinnovata e ha tanti giocatori bravi, ma ha il problema di segnare poco. Manca nella fase conclusiva. Se concretizza di più le occasioni che crea, potrebbe diventare importante in questa stagione per un posto in Conference”. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.